sette-minuti_immagine-per-sito

7 minuti

- Auditorium Palazzo Rosso

47574352_2073799039307931_6695061696077103104_o 47573876_2073800105974491_97477495418257408_o 47504648_2073801359307699_8722542540487655424_o 47577105_2073796145974887_7974108252520579072_o 47685902_2073796325974869_918139943459487744_o 47572876_2073796469308188_6229406770683445248_o 47688143_2073796842641484_6059188373405302784_o 47684478_2073797225974779_2468428579591946240_o 47679616_2073797695974732_8247671908061937664_o 47425085_2073797849308050_8151049879934730240_o 47473874_2073798205974681_6816904042749362176_o 47486693_2073798589307976_4630935778380218368_o 47469721_2073800339307801_7837679698694897664_o 47379755_2073800815974420_8232139068641640448_o

 

 

 

 

 

Cosa sono 7 minuti di pausa in meno? Soltanto una piccola rinuncia che una multinazionale, dopo aver acquistato una vecchia e gloriosa azienda tessile, chiede a operaie e impiegate garantendo, in cambio, che non ci saranno licenziamenti.  Chiuse in una stanza a discutere, undici donne dovranno decidere se accettare. Sette minuti sembrano pochi e la delegata del Consiglio di fabbrica all’inizio è la sola ad avere dei dubbi. Ma a poco a poco il dibattito si accende e ognuna delle donne dovrà ripercorrere pubblicamente la propria vita prima di arrivare al voto.