dsc_4798_1

Pinocchiaccio

Sei ancora in tempo per fuggire, la salvezza spesso sta al di là di un pensiero.

Ve lo ricordate quel burattino pigro e bugiardo che ha popolato i sogni della vostra infanzia? Ricordate la sua aspirazione a diventare un bambino vero, i suoi sforzi, le sue promesse mancate e infine la realizzazione del suo desiderio? Povero Pinocchio, non aveva capito che così facendo usciva da una favola …

Pinocchiaccio è la storia di un Pinocchio degli anni ’60 alla struggente ricerca della sua favola perduta, che vaga in un mondo scettico e corrotto che egli rifiuta perché non gli appartiene, e che riflette i suoi ricordi e la sua nostalgia in ogni volto che incontra.

Quest’opera “quasi rock”, secondo la definizione degli autori, narra di un viaggio di ritorno attraverso un labirinto di realtà e finzione, commozione e cinismo, illusione e delusione, verso un passato visto attraverso la lente deformante del rimpianto, in un inaccettabile presente.

In un mutevole scenario, animato da danze e filmati, incontrerete i personaggi mai dimenticati della vostra infanzia. Ma attenti agli inganni della memoria! Saranno proprio loro..?

L’autore del testo e delle liriche, Guido Lamberti, il cantante Ugolino famoso negli anni ’60 e ’70 con canzoni come ‘Ma che bella giornata’, ‘Gianni il barista’ e altre, insieme al suo musicista Giuseppe Cappelletti hanno scritto quest’opera alla fine degli anni ‘60 ed è quello il periodo scelto dalla compagnia per l’ambientazione.

Cast