31283_1480544778802_1710399_n

Rugantino

...voja de lavorà sartame addosso, ma famme lavorà meno che posso!

C’è qualcuno che ancora non conosce “Rugantino”, che non si è mai innamorato sulle note di “Roma nun fa’ la stupida stasera”, che non si è mai commosso sulle vicende del giovane spaccone e sfaccendato, ma in fondo dall’animo buono e generoso? Chi non l’ha visto non perda l’occasione di godere di un classico di Garinei e Giovannini che ha fatto storia, e chi lo ha già visto non rinunci a rivivere la storia d’amore e di coltello più nota del nostro teatro leggero.

Ambientata in una Roma papalina magistralmente affrescata, la commedia racconta le vicende di Rugantino, simpatico imbroglione bugiardo e sfaticato che saprà tuttavia riscattarsi con un gesto di grande nobiltà, e della bella e passionale Rosetta. Ma non mancano personaggi indimenticabili come Mastro Titta, il boia di Roma, e la falsa sorella Eusebia, complice di Rugantino nei suoi furfanteschi raggiri, ma dalla comicità irresistibile.